sfondobasso
sfondoalto
  antonio abate     santa dolcissima     via francigena

IN EVIDENZA

LA CHIESA

SACERDOTI
ORARI SS MESSE
DOCUMENTI
E-MAIL
SANTO DEL GIORNO

- - - - - - - - - - - - - - - QUESTO - - - CAMPO - - - SE - - - HAI- - - EFFETTUATO - - - UN - - - ACCESSO - - - CON - - - UNO- - - SMARTPHONE - - - - - - NON - - - E'- - - DISPONIBILE - - - ALLA - - -VISIONE - - - DEL - - - CONTENUTO. PER - - - ACCEDERE - - - SELEZIONARE - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - SANTO DEL GIORNO - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - DAL - - - MENU' - - - - - - - - -

pietre
Diocesi di Civitacastellana
chiesa.it
Avvenire
Verbum Dei
Pizzicarms
croce
immagine duomo

    

orario



 Buon viaggio Filippo , eravamo tutti li a salutarti e le strade erano un fiume per te.     

 La Cripta del Duomo dal 20/06/2016 rimarrà      chiusa per lavori a tempo indeterminato.               Ce ne scusiamo con i visitatori.

     Il Parroco Don Fernando Cruz

gadalupe



 La Mostra si svolge nella Cripta del Duomo della Antichissima Città di Sutri. Siete tutti invitati a partecipare alla conferenza del 5 giugno alle ore 16.00

gadalupe



A partire dal mese di Aprile 2016 la Parrocchia di Sutri avvia una serie di incontri, gratuiti e senza bisogno di iscrizione, che riguardano prevalentemente, ma non solo, i bambini che frequentano la 5a elementare. Tramite la visione di filmati, opere d'arte, musica e letture, vengono aiutati a comprendere come la misericordia sia presente in ogni attività e nelle relazioni della nostra vita.

nepi

per ulteriori informazioni : oratorio@parrocchiasutri.org

Incontro con S.E. Romano Rossi

             Vescovo di Civita Castellana

Presentazione Lettera Pastorale per la Quaresima 2016. Sutri - Martedi 8 Marzo - ore 21.00 Sala Parrocchiale

"Siamo proprio sicuri che il Dio che solitamente annunciamo nelle nostre Parrocchie sia proprio quello vivo e vero, quello che ha incantato i santi, sedotto i mistici, sollecitato i missionari, sostenuto i martiri, ispirato gli artisti, convertito i peccatori? La Diocesi sta riorganizzando i percorsi educativi per i ragazzi e i giovani. Sta proponendo per gli adulti itinerari di educazione permanente nella fede e alla vita comunitaria. Si rallegra per un rinnovato slancio nella formazione alla preghiera e in altre analoghe iniziative perché i fedeli possano accedere alla presenza del Signore." .vescovo "Non possiamo rallentare o annacquare l'insistenza su queste priorità. Non dobbiamo, pero, nasconderci che l'efficacia di tali iniziative dipenderà dalla familiarità reale con il volto splendido e misterioso del Dio vivente, rivelato in Cristo e interiorizzato dallo Spirito Santo, se le comunità cristiane sapranno riacquisirla, animate dai loro Pastori. Il cammino della Chiesa e vivo quando diviene occasione di continua scoperta del Mistero di Dio che rende nuovo il quotidiano dell°uomo.La Parrocchia, però, non è solo una scuola né,tantomeno, una azienda specializzata in marketing o in pubblicità. È il Corpo vivo di Gesù Cristo, che trasmette la propria vitalità a ciascuna delle sue membra, purché si approprino personalmente e integrino nel proprio vissuto quanto viene loro proposto."

    

nepi



    

Calendario



Incontro Diocesano della Caritas a Civita Castellana il 30 Gennaio 2016

incontro

L'incontro sarà curato attraverso la partecipazione di due esperti: FEDERICA DELAUSO - (Caritas Italiana) dell'Ufficio Politiche sociali FABIO VANDO - (Caritas Roma) impegnato nella formazione degli operatori dei CdA. Con il loro aiuto vogliamo capire innanzitutto il fenomeno, conoscere i dati circa le nuove povertà emergenti a livello regionale ed infine capire come i nostri CdA possono intervenire per cercare di dare risposta a queste problematiche sempre più diffuse. Quali prassi sono oggi già attuabili? Crediamo si tratti di una bella opportunità per aprire nuovi orizzonti ed uscire così da un'idea di Caritas parrocchiale impegnata esclusivamente nella distribuzione di viveri o vestiti.

Recuperare l'importanza della preparazione al Sacramento del Matrimonio

La preparazione al matrimonio, alla vita coniugale e familiare, è di rilevante importanza per il bene della Chiesa. Di fatto il sacramento del Matrimonio ha un grande valore per l'intera comunità cristiana e, in primo luogo, per gli sposi, la cui decisione è tale che non potrebbe essere soggetta all'improvvisazione o a scelte affrettate. In altre epoche tale preparazione poteva contare sull'appoggio della società, la quale riconosceva i valori e i benefici del matrimonio. La Chiesa, senza intoppi o dubbi, tutelava la sua santità, consapevole del fatto che il sacramento del Matrimonio rappresentava una garanzia ecclesiale, quale cellula vitale del Popolo di Dio. L'appoggio ecclesiale era, almeno nelle comunità realmente evangelizzate, fermo, unitario, compatto. Erano rare, in genere, le separazioni e i fallimenti dei matrimoni e il divorzio veniva considerato come una « piaga » sociale (cfr. Gaudium et Spes = GS 47). .cellulari Oggi, al contrario, in non pochi casi, si assiste ad un accentuato deterioramento della famiglia e ad una certa corrosione dei valori del matrimonio. In numerose nazioni, soprattutto economicamente sviluppate, l'indice di nuzialità si è ridotto. Si suole contrarre matrimonio in un'età più avanzata e aumenta il numero dei divorzi e delle separazioni, anche nei primi anni di tale vita coniugale. Tutto ciò porta inevitabilmente ad una inquietudine pastorale, mille volte ribadita: Chi contrae matrimonio, è realmente preparato a questo? Il problema della preparazione al sacramento del Matrimonio, e alla vita che ne segue, emerge come una grande necessità pastorale innanzitutto per il bene degli sposi, per tutta la comunità cristiana e per la società. Perciò crescono dovunque l'interesse e le iniziative per fornire risposte adeguate e opportune alla preparazione al sacramento del Matrimonio.
Leggi testo completo

incontro

Una felice nascita di Gesu nel cuore delle vostre famiglie

Libretto della Santa Messa della notte celebrata dal Santo Padre Francesco


Visualizza il testo completo

concerto

incontro

Bisogna recuperare la convivialità in famiglia

Papa Francesco nella catechesi dell'Udienza Generale del, 11 novembre 2015 in piazza San Pietro, ha affrontato un aspetto oggi troppo trascurato della vita famigliare: la convivialità. Oggi, ha sottolineato il Santo Padre, mancano sempre più i momenti in cui la famiglia si ritrova insieme intorno ad una tavola e quando questo accade, spesso ognuno è perso dietro le proprie fonti di distrazione.cellulari A tavola non si parla più – ha continuato il Papa – c'è troppo silenzio, un silenzio che nasce dall'egoismo di ognuno, che lo porta a seguire la televisione o il "fedele" smartphone. Bisogna recuperare la convivialità in famiglia – ha esortato Papa Francesco – perché questa la apre alla grazia di una convivialità universale, quella Eucaristica, dell'amore di Dio per il mondo, che porta le famiglie ad aprirsi al mondo e non chiudersi in se stesse. Preghiamo – ha concluso il Papa – perché questa convivialità familiare possa crescere e maturare nel tempo di grazia del prossimo Giubileo della Misericordia
Leggi testo completo

La nostra Parrocchia saluta Don Prudenzio Aroh e accoglie Don Celestino Okafor



Due sacerdoti africani, dalla Nigeria, si alternano nella nostra Chiesa di Sutri. Pubblichiamo di seguito i saluti di Don Celestine Okafor per il suo arrivo e quelli di commiato di Don Prudenzio Aroh


I saluti di Don Celestino

Il Signore lavora in una maniera misteriosa ... con il suo beneplacito mi ha chiamato a sostituire don Prudenzio come vice parrocco nella vostra Parrocchia. A Lui sia l'onore e la Gloria, ora e sempre, Amen. Approfitto di questa occasione per dire alla comunità cristiana di Sutri: Grazie! Grazie per quanto avete fatto per il mio fratello don Prudentius, per la vostra accoglienza totale nei suoi confronti e ora, nei miei. Mi sono sentito a casa fin dal mio primo giorno in mezzo a voi. Vi ringrazio per la vostra apertura di cuore. Vi prometto di fare il mio meglio nel servizio ed incarico che il Signore mi ha chiamato a svolgere in mezzo a voi, sotto la guida di don Fernando, nostro Parocco. Un uomo semplice, paziente ed umile, che sa collaborare con i suoi confratelli sacerdoti. Ha lavorato molto bene con don Prudentius, e posso già testimoniare in questi pochi giorni, quanto lui accolga tutti sacerdoti nel suo cuore. Prego il Signore, affinchè possiamo continuare insieme questo pellegrinaggio di fede, fino a raggiungere il premio promesso. Di nuovo, grazie per la vostra accoglienza!

Don Celestino




Il commiato di Don Prudenzio

Cari Parocchiani di Sutri, Io sono stupito di come il tempo vola. Sono passati già tre anni da quando sono arrivato a Sutri per il mio incarico da sacerdote. Mi trovo nella situazione in cui si provano due sentimenti contrapposti: la gioia da una parte, perché torno nella mia patria e il dispiacere dall' altra parte, perché lascio una comunità in cui ho provato e vissuto l'amore di Cristo. Il mio particolare ringraziamento va al mio caro Parroco, Don Fernando, perché mi ha fatto sentire l'amore fraterno con i suoi consigli, le sue attenzioni e il suo affetto. Grazie Don e che Dio ti aiuti in questo difficile compito di pascere il suo gregge. Ringrazio tutti i parocchiani per questi tre anni trascorsi a Sutri dove ho trovato una comunità viva ed accogliente, una comunità che mi ha aiutato tanto a rimanere fedele al mio ideale di servire Gesù e la Chiesa. Quando Guardo questi anni trascorsi in mezzo a voi, mi rendo conto che Dio ha risposto al desiderio più profondo del mio cuore, cioé, diventare sempre più conforme al suo Figlio, il sommo sacerdote Gesù Cristo. Grazie a tutti e vi porto nel mio cuore. Vi prometto la mia preghiera. Ciao!

Don Prudenzio Aroh

incontro

18 ottobre basta anche solo una preghiera di ogni bambino a Sutri per #UnMilioneDiBimbi

Un milione di bambini che recitano insieme il Rosario per l'unità e la pace. È l'invito che il 18 ottobre, ormai da dieci anni, Aiuto alla Chiesa che Soffre rivolge ai bambini di tutto il mondo. L'iniziativa, chiamata "Un milione di Bambini in Preghiera", è nata nel 2005 a Caracas in Venezuela. Mentre un gruppo di bambini pregava, alcune donne presenti hanno avvertito la presenza della Vergine. Una di loro si è ricordata allora della promessa di Padre Pio: «Se un milione di bambini pregheranno insieme il Rosario, il mondo cambierà».rosario Da allora ogni anno, il 18 ottobre, attraverso le 21 sedi nazionali di ACS presenti in quattro continenti, la fondazione pontificia esorta tutti i bambini ad unirsi in preghiera. Da sempre Aiuto alla Chiesa che Soffre unisce al sostegno della pastorale della Chiesa in tutto il mondo e alla denuncia delle limitazioni alla libertà religiosa, iniziative legate alla preghiera. Come le due giornate mondiali di preghiera per la pace in Iraq promosse il 6 agosto 2014 e 2015, la settimana di preghiera per la Siria (settembre 2013) e le Novene per la pace nella repubblica Democratica del Congo (dicembre 2012) e nella Repubblica Centrafricana (dicembre 2013). ACS è inoltre fortemente impegnata alla promozione della preghiera del Rosario tra i bambini e per insegnare ai piccoli come recitarlo ha creato un apposito libricino, "Noi Bambini preghiamo il Rosario", che dal 2009 ad oggi è stato tradotto in otto lingue e pubblicato in 600mila copie, diffuse da ACS in tutto il mondo. "Un milione di Bambini in Preghiera" nasce dalla consapevolezza che, se affidata ai bimbi, la preghiera sia davvero capace di portare la pace. Specie la preghiera del Rosario, come ha scritto Giovanni Paolo II nella lettera apostolica Rosarium Virginis Mariae: «Non si può recitare il Rosario senza sentirsi coinvolti in un preciso impegno di servizio alla pace». Per questo ACS invita genitori, insegnanti e quanti lavorano nelle scuole, negli asili, negli ospedali, negli orfanotrofi ed in qualunque luogo vi siano gruppi di bambini, ad esortare i piccoli a recitare il Rosario. Al tempo stesso ACS chiede a tutti di rivolgere un pensiero a tutti quei bambini a cui nessuno ha mai insegnato a pregare, donando loro la Bibbia del Fanciullo: il libro sul quale milioni di bambini in tutto il mondo hanno imparato a leggere, scrivere e pregare. È una Bibbia illustrata di ACS che dal 1979 ad oggi è stata stampata in 178 lingue diverse e in oltre 51 milioni di copie. È possibile donare collegandosi al sito acs-italia.org. È possibile aderire all'iniziativa anche sui social network, attraverso l'hashtag #UnMilioneDiBimbi.
Dal blog di Costanza Miriano

esercizi

Veglia di preghiera, Sabato 3 ottobre 2015

papa Il Sinodo ordinario sulla famiglia si svolgerà dal 4 al 25 ottobre. Già lo scorso anno nella sua lettera alle famiglie Papa Francesco ci chiese:' il sostegno della preghiera è quanto mai necessario e significativo specialmente da parte vostra, care famiglie. Infatti, questa Assemblea sinodale è dedicata in modo speciale a voi, alla vostra vocazione e missione nella Chiesa e nella società. Pertanto vi chiedo di pregare intensamente lo Spirito Santo, affinché illumini i Padri sinodali e li guidi nel loro impegnativo compito.' Per questo scopo siamo convocati sabato 3 ottobre di nuovo a Roma in Piazza San Pietro per vivere nel pomeriggio (dalle 18.00 alle 19.30) un momento di preghiera e testimonianza di fede attorno al Sommo Pontefice e ai Padri Sinodali. Sarà bello essere tutti lì e il momento storico che stiamo attraversando ci chiede di fare il possibile per partecipare, mostrando in unità tutta la bellezza della famiglia. Se ci fossero difficoltà per famiglie pressate dalla crisi economica che desiderano vivere questo evento storico, fatecelo direttamente presente e troveremo vie adeguate di sostegno. Vi chiediamo la possibilità di favorire sul territorio incontri di preghiera in preparazione alla veglia di Piazza San Pietro in cui, nello stile di Emmaus, due o tre associazioni o carismi differenti si incontrino per pregare insieme. Ci siamo ritrovati recentemente con i Responsabili Nazionali delle associazioni, movimenti e nuove comunità (erano circa 120 partecipanti) che hanno mostrato un grande entusiasmo nel voler partecipare direttamente alla veglia. «Abbiamo una grande necessità di far vedere la bellezza della famiglia che è in Italia, in unità ha sostenuto Monsignor Galantino la nostra vera forza è rimanere ancorati alla realtà con la consapevolezza che la realtà è superiore all'idea: e la realtà è la famiglia».
tratto da http://www.chiesacattolica.it

    Per i festeggiamenti di Santa Dolcissima

esercizi

      Giubileo, la misericordia e le indulgenze

Il messaggio del Papa spiega come i fedeli potranno "incontrare la misericordia di Dio". Tutti i sacerdoti potranno assolvere dal peccato di aborto. Detenuti: "Ogni cella una Porta Santa". E via libera alle confessioni della Fraternità San Pio X

papaLa vicinanza del Giubileo Straordinario della Misericordia mi permette di focalizzare alcuni punti sui quali ritengo importante intervenire per consentire che la celebrazione dell'Anno Santo sia per tutti i credenti un vero momento di incontro con la misericordia di Dio. È mio desiderio, infatti, che il Giubileo sia esperienza viva della vicinanza del Padre, quasi a voler toccare con mano la sua tenerezza, perché la fede di ogni credente si rinvigorisca e così la testimonianza diventi sempre più efficace. Il mio pensiero va, in primo luogo, a tutti i fedeli che nelle singole Diocesi, o come pellegrini a Roma, vivranno la grazia del Giubileo.
Desidero che l'indulgenza giubilare giunga per ognuno come genuina esperienza della misericordia di Dio, la quale a tutti va incontro con il volto del Padre che accoglie e perdona, dimenticando completamente il peccato commesso. Per vivere e ottenere l'indulgenza i fedeli sono chiamati a compiere un breve pellegrinaggio verso la Porta Santa, aperta in ogni Cattedrale o nelle chiese stabilite dal Vescovo diocesano, e nelle quattro Basiliche Papali a Roma, come segno del desiderio profondo di vera conversione.
Ugualmente dispongo che nei Santuari dove si è aperta la Porta della Misericordia e nelle chiese che tradizionalmente sono identificate come Giubilari si possa ottenere l'indulgenza. È importante che questo momento sia unito, anzitutto, al Sacramento della Riconciliazione e alla celebrazione della santa Eucaristia con una riflessione sulla misericordia. Sarà necessario accompagnare queste celebrazioni con la professione di fede e con la preghiera per me e per le intenzioni che porto nel cuore per il bene della Chiesa e del mondo intero.
leggi seguito

Meditazioni quotidiane presso la Chiesa di San Silvesto a cura dei Missionari Verbum Dei

esercizi

15 Agosto: per tutti noi sia una doppia festa

Celebriamo infatti sia la festa liturgica dell'Assunzione di Maria che, dal 1207, la consacrazione della nostra Cattedrale da parte di papa Innocenzo III a Santa Maria Assunta in Cielo.
Queste brevi parole di Paolo Curtaz, autore spirituale contemporaneo, servano ad un attimo di riflessione sul significato che ha Maria Assunta per la nostra comunità parrocchiale:

assunta Ferragosto: il cuore dell'estate, la festa più grande delle vacanze. Per noi, però, ricorda la festa dell'Assunzione di Maria, che ci richiama all'opera di Dio in Maria di Nazareth, discepola del Signore.
Bella festa, quella di oggi, che porta con sé un rischio: quello di sottolineare le così tante straordinarietà della madre di Gesù dal finire coll'allontanarla anni luce dalla (povera) concretezza della nostra vita. Insomma: il più grande torto che possiamo fare a Maria è quello di metterla in una nicchia e incoronarla! Da ridere, al solito: ) il Signore ci dona una discepola esemplare, una donna che, per prima, ha scoperto il volto del Dio incarnato, e noi subito a metterla sul piedistallo, santa stratosferica da invocare nei momenti di sofferenza... Per favore: no!

Maria ci è donata come sorella nella fede, come discepola del Signore, come madre dei discepoli. Questa è la festa dell'Assunzione, la storia di una discepola che ha creduto davvero nella Parola del suo Dio, che insegna a noi, tiepidi credenti, l'ardire di Dio, la follia dell'Assoluto. Noi crediamo che questa donna, prima tra i credenti, dopo la sua lunga esperienza di una fede abitata dal Mistero, è andata al Dio che l'aveva chiamata. Non poteva conoscere la corruzione della morte colei che aveva dato alla luce l'autore della vita. Siamo in buona compagnia, amici! Grandi cose ha fatto Dio in Maria: grandi cose può fare in noi, se lo lasciamo fare...

       SABATO 01 AGOSTO 2015 DURANTE LA
                NOTTE BIANCA DI SUTRI

roveto

Domenica 19 Luglio 2015 alle ore 10.00 presso le Suore Francescane di Fontevivola

Verrà celebrata dal nostro Parroco Don Fernando Cruz la messa inaugurale per la Nuova Chiesa di Fontevivola dedicata a San Francesco presso L'Oasi di Pace Via delle Viole 15 Loc. Fontevivola Sutri

francesco

16 luglio Solennità della Madonna del Carmine

S. Messa ore 9,00 seguita dalla Supplica e S. Messa Solenne ore 18,00 preceduta dalla processione (partenza dalla chiesa di S.Silvestro) con l'immagine della "Madonna del Carmelo, detta "La Bruna" (prima Icona carmelitana - sec. XI). Presiederà S. Ecc.za Mons. Romano Rossi e seguirà il Rito della CONSEGNA dello SCAPOLARE ai fedeli e agli AMICI del Carmelo.

carmeloLa qualità della vita nelle nostre comunità non dipende dai numeri, dall'efficienza: questa è la mentalità del mondo! Gesù non ha dato il massimo nella predicazione, ma quando è stato INCHIODATO sulla Croce... La mentalità del mondo irrompe nella vita religiosa quando si comincia a fare calcoli. Se c'è fecondità spirituale, c'è sempre fioritura di vita religiosa, non sappiamo dove, ma è così. La vera disgrazia delle comunità è la sterilità, che subentra quando si spegne la passione, quando viene meno la fducia in Dio: zelo e fiducia che "viaggiano" sempre sui "piani superiori".
       Tratto da: http://vocazione-carmelitana.blogspot.it/

       "Non abbiate paura della tenerezza"

cattedrale     PAPA FRANCESCO

"Non dobbiamo avere paura della bontà, e neanche della tenerezza". "Il vero potere è il servizio". Bisogna "custodire la gente, aver cura di ogni persona, con amore, specialmente dei bambini, dei vecchi, di coloro che sono più fragili e che spesso sono nella periferia del nostro cuore" "Siate custodi della creazione, dell'altro, dell'ambiente".

       Un grazie a chi nella nostra comunità si occupa dell'altro

Chiesa riparta dalla situazione delle famiglie

cattedrale Presentato l'Instrumentum laboris per la XIV Assemblea ordinaria del Sinodo dei vescovi . Affrontati i temi più delicati:Dalle famiglie di oggi, tutte bisognose di misericordia, cominciando da quelle più sofferenti alla nullità del vincolo ai divorziati risposati, alle unioni fra omosessuali. La proposta di istituire nelle diocesi un servizio stabile di consulenza. Il ruolo delle donne nella formazione dei sacerdoti.
Per leggere l'articolo clicca qui



Le famiglie reagiscano alla colonizzazione ideologica e ricordate che i figli sono sacri

I nostri ragazzi, ragazzini, che incominciano a sentire queste idee strane, queste colonizzazioni ideologiche che avvelenano l'anima e la famiglia si deve agire contro questo. Mi diceva, due settimane fa, una persona, un uomo molto cattolico, bravo, giovane, che i suoi ragazzini andavano in prima e seconda elementare e che la sera, lui e sua moglie tante volte dovevano ricatechizzare i bambini, i ragazzi per quello che riportavano da alcuni professori della scuola o per quello che dicevano i libri che davano lì. Queste colonizzazioni ideologiche, che fanno tanto male e distruggono una società, un Paese, una famiglia. E per questo abbiamo bisogno di una vera e propria rinascita morale e spirituale
Papa Francesco

14-06-2015 Convegno Ecclesiale della diocesi di Roma
Per leggere l'articolo clicca qui



       Cari Parrocchiane e Parrocchiani,

cattedrale

Condivido con voi la lettera del nostro Vescovo convocando all'Assemblea diocesana venerdì prossimo alle 20,30 a Nepi - Sacra Famiglia. Tutti sono invitati, anzi convocati, a questo importante evento per la nostra Chiesa locale.

Cari saluti a tutte e tutti voi
    Don Fernando

Per leggere la lettera del Vescovo clicca qui



Papa Francesco e la Cresima: Dono di Dio che           ci aiuta a vivere da veri cristiani

Dall'udienza del 29-10-2014 : Cari fratelli e sorelle, buongiorno, in questa terza catechesi sui Sacramenti, ci soffermiamo sulla Confermazione o Cresima, che va intesa in continuità con il Battesimo, al quale è legata in modo inseparabile. Questi due Sacramenti, insieme con l'Eucaristia, formano un unico evento salvifico, che si chiama l'"iniziazione cristiana".
Per leggere l'articolo clicca qui



Il nostro percorso verso Maria tra fede ed arte

In quei giorni Maria, entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: "Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell'adempimento delle parole del Signore".    Luca 1,39-45

Oltre alle celebrazioni per festeggiare questo mese Mariano proponiamo un contributo, tratto dal sito dei padri comboniani, sulla figura della SS. Maria nell'arte classica e contemporanea per avvicinarci alla "Piena di Grazia".

Madonna del Roseto       La Madonna dei Pellegrini    Santa Maria in Domnica alla Navicella.

La Pietà Rondanini di Michelangelo       La Madonna sul monte che avvicina le civiltà

In salvo, sotto il manto blu della Vergine         La luna sotto la Vergine Maria

Madonne dei nostri tempi Gauguin Van Gogh Matisse     Madonne dei nostri tempi Michel Ciry

                            La Madonna nella scultura contemporanea


Solennità della Dedicazione della Cattedrale     6 Maggio 2015 Ss Messa al Duomo ore 18.00

Presieduta da Sua Eccellenza Mons. Romano Rossi per l'anniversario della Dedicazione fatta da Papa Innocenzo III nel 1207 a Santa Maria Assunta In Cielo.

cattedrale

    Calendario della Benedizione delle Famiglie

Benedizioni

PER STAMPARE clicca qui

Don Lorenzo Perosi

Gli uomini del mio tempo non vogliono ascoltare il Vangelo... cercherò di farlo ascoltare con le mie note

Sarà possibile ascoltare la sua Missa Pontificalis (1897) che verrà eseguita dall'Ensemble Musicale Doppiounisono di Sutri presso la Basilica di San Giuseppe a Castel Sant'Elia Domenica 12 Aprile 2015, con ingresso gratuito.

Don Lorenzo Perosi è il maggior esponente del moderno oratorio italiano, che ha rinnovato nello spirito e nelle forme.
Iscritto al Conservatorio di Milano a diciotto anni, ancora allievo, divenne organista e maestro di canto presso l'Abbazia di Montecassino, poi ordinato sacerdote nel 1898 ricevette da Papa Leone XIII il titolo di Direttore perpetuo della Cappella Sistina, ruolo che ha avuto fino alla sua morte.
immagine Un giorno don Lorenzo Perosi passeggiando in cerca di verde e di silenzio disse a un amico: Gli uomini del mio tempo non vogliono ascoltare il Vangelo... cercherò di farlo ascoltare con le mie note. Nel 1902 in un intervista alla Stampa di Torino aveva detto: Io scrivo quello che la fede mi suggerisce, la gente applaude convinta di applaudire me... invece applaude i misteri sacri che mi sforzo di spiegare loro tramite la melodia.
Non sono pochi i grandi personaggi che ci ricordano don Lorenzo Perosi con frasi di elogio, come sacerdote e come musicista. Romain Rolland disse di lui: Come la rondine don Lorenzo annuncia la primavera della musica italiana. E il grande compositore Arrigo Boito disse di lui: Perosi è un innocente dalle mani piene... si muove nel testo sacro con una disinvoltura davvero straordinaria.
Un altro grande musicista italiano, Pietro Mascagni, nel 1902 a Venezia in un discorso disse: Perosi ha vinto con la forza del genio.
Antonio Fogazzaro che l'aveva conosciuto bene, disse: E' impossibile spiegare la gioia che si prova a parlare con don Lorenzo Perosi che ha in se lo spirito di Dio.
Ma è stato Pio XII a dargli l'elogio più grande: La sua musica predispone gli animi a ricevere gli impulsi della divina grazia...

08 Aprile,2015>

    Calendario della Settimana Santa

Calendario


30 Marzo,2015

  La Voce della comunità

Anno 14° Marzo 2015

   La nuova edizione anche on line. 

voce

LEGGI ON-LINE
28-Marzo-2015
adorazione


19 Marzo,2015

   Lettera pastorale per la Quaresima 2014       di Sua Ecc. Mons. Romano Rossi

letterapastorale
Per leggere la lettera clicca qui

09 Marzo,2015

Messaggio di Medjugorje del 2 Marzo 2015

per chi non conosce l'amore di Dio

Cari figli, voi siete la mia forza. Voi, apostoli miei, che, con il vostro amore, l'umiltà ed il silenzio della preghiera, fate in modo che mio Figlio venga conosciuto. Voi vivete in me. Voi portate me nel vostro cuore. Voi sapete di avere una Madre che vi ama e che è venuta a portare amore. Vi guardo nel Padre Celeste, guardo i vostri pensieri, i vostri dolori, le vostre sofferenze e le porto a mio Figlio. Non abbiate paura! Non perdete la speranza, immagineperché mio Figlio ascolta sua Madre. Egli ama fin da quando è nato, ed io desidero che tutti i miei figli conoscano questo amore; che ritornino a lui coloro che, a causa del loro dolore e di incomprensioni, l'hanno abbandonato e che lo conoscano tutti coloro che non l'hanno mai conosciuto. Per questo voi siete qui, apostoli miei, ed anch'io con voi come Madre. Pregate per avere la saldezza della fede, perché amore e misericordia vengono da una fede salda. Per mezzo dell'amore e della misericordia aiuterete tutti coloro che non sono coscienti di scegliere le tenebre al posto della luce. Pregate per i vostri pastori, perché essi sono la forza della Chiesa che mio Figlio vi ha lasciato. Per mezzo di mio Figlio essi sono i pastori delle anime. Vi ringrazio!

Messaggo affidato a Mirjana Dragicevic

05 Marzo,2015

24 ORE PER IL SIGNORE

La nostra Parrocchia aderisce all' iniziativa di preghiera proposta da Papa Francesco

Il sacramento della Riconciliazione, da sempre al centro della predicazione del Pontefice, ritorna quest'anno nell'iniziativa '24 ore per il Signore' in programma il 13 e 14 marzo. A incoraggiare l'iniziativa è stato il Papa stesso nel messaggio per la Quaresima di quest'anno: «Siamo saturi di notizie e immagini sconvolgenti che ci narrano la sofferenza umana e sentiamo nel medesimo tempo tutta la nostra incapacità a intervenire», ha scritto. «Che cosa fare per non lasciarci assorbire da questa spirale di spavento e di impotenza? In primo luogo, possiamo pregare nella comunione della Chiesa terrena e celeste. Non trascuriamo la forza della preghiera di tanti! L'iniziativa '24 ore per il Signore', che auspico si celebri in tutta la Chiesa, anche a livello diocesano, nei giorni 13 e 14 marzo, vuole dare espressione a questa necessità della preghiera». Quest'anno, come l'anno scorso, il Papa presiede la liturgia penitenziale a San Pietro, mettendo così il sacramento della Riconciliazione al centro del cammino della nuova evangelizzazione in tutta la Chiesa. Nelle chiese ci sarà una maratona di adorazione e preghiere, con i sacerdoti disponibili per le confessioni. Accarezzando, come vuole il Papa, gli smarriti di cuore.

03 Marzo,2015

Papa Francesco: parole per la Quaresima

'la Quaresima è un tempo favorevole per intensificare la vita spirituale nelle due dimensioni dell'amore per Dio e del prossimo. Seguendo quanto dice l'apostolo Paolo: Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio,' Il Papa ha esortato a sentire questo richiamo rivolto personalmente a ciascuno di noi e a metterlo in pratica con generosità. Ha quindi invitato i fedeli a riscoprire di nuovo la bellezza della fraternità, a viverla e ad espanderla intorno ad essi. Salutando i giovani, gli ammalati e gli sposi novelli ha ricordato le tre pratiche quaresimali: 'La pratica del digiuno vi sia di aiuto, cari giovani, per acquisire padronanza su voi stessi; la preghiera sia per voi, cari ammalati, il mezzo per affidare a Dio le vostre sofferenze e sentirne la sua presenza amorevole; le opere di misericordia, infine, aiutino voi, cari sposi novelli, a vivere la vostra esistenza coniugale aprendola alle necessità dei fratelli. Buona Quaresima a tutti!.

Per leggere l'articolo ed ascoltare i contributi audio Clicca qui

19 Febbraio,2015

11 FEBBRAIO GIORNATA DEL MALATO 2015

    Oggi in memoria della Madonna di Lourdes, si celebra la XXIII Giornata Mondiale del Malato E´ una occasione utile per favorire l'attenzione ai malati, alle loro famiglie e al mondo della cura, sia professionale sia del volontariato. Riportiamo alcune parole del Santo Padre ha inviato come messaggio all'Unitalsi, invitando a dedicare le intenzioni odierne a tutti coloro che vivono la sofferenza della malattia .

Sapientia cordis. «Io ero gli occhi per il cieco, ero i piedi per lo zoppo» (Gb 29,15) Cari fratelli e sorelle, in occasione della XXIII Giornata Mondiale del Malato, istituita da san Giovanni Paolo II, mi rivolgo a tutti voi che portate il peso della malattia e siete in diversi modi uniti alla carne di Cristo sofferente; come pure a voi, professionisti e volontari nell'ambito sanitario. Il tema di quest'anno ci invita a meditare un'espressione del Libro di Giobbe: «Io ero gli occhi per il cieco, ero i piedi per lo zoppo» (29,15). Vorrei farlo nella prospettiva della 'sapientia cordis', la sapienza del cuore. tratta Sapienza del cuore è servire il fratello. Nel discorso di Giobbe che contiene le parole «io ero gli occhi per il cieco, ero i piedi per lo zoppo», si evidenzia la dimensione di servizio ai bisognosi da parte di quest'uomo giusto, che gode di una certa autorità e ha un posto di riguardo tra gli anziani della città. La sua statura morale si manifesta nel servizio al povero che chiede aiuto, come pure nel prendersi cura dell'orfano e della vedova (vv.12-13). Quanti cristiani anche oggi testimoniano, non con le parole, ma con la loro vita radicata in una fede genuina, di essere 'occhi per il cieco' e 'piedi per lo zoppo'! Persone che stanno vicino ai malati che hanno bisogno di un'assistenza continua, di un aiuto per lavarsi, per vestirsi, per nutrirsi. Questo servizio, specialmente quando si prolunga nel tempo, può diventare faticoso e pesante. È relativamente facile servire per qualche giorno, ma è difficile accudire una persona per mesi o addirittura per anni, anche quando essa non è più in grado di ringraziare. E tuttavia, che grande cammino di santificazione è questo! In quei momenti si può contare in modo particolare sulla vicinanza del Signore, e si è anche di speciale sostegno alla missione della Chiesa.

Papa Francesco
PER LEGGERE TESTO COMPLETO
11 Febbraio,2015

8 FEBBRAIO GIORNATA INTERNAZIONALE DI PREGHIERA E RIFLESSIONE CONTRO LA TRATTA DI PERSONE

    Accendi anche tu una luce nel Duomo di Sutri o nella tua casa. Domenica 8 Febbraio, contro la tratta delle persone nel mondo. Ogni luce riafferma l'importanza del proprio impegno per la libertà e dignità di ogni persona. tratta Nella realtá odierna del mondo globalizzato la mercificazione e lo sfruttamento della vita, ormai quotidiani, ci accecano a tal punto da impedirci di riconoscere l'altra persona, non come fonte di lucro, ma fratello e sorella. Per questo invitiamo tutti a pregare e riflettere per trasformare mente e cuore rompendo la crosta di superficialità ed indifferenza che ci impedisce di riconoscere l'altra persona come fratello e sorella .

La tratta delle persone oggi riguarda di fatto ciascuna nazione. Le donne e i bambini sono le vittime principali e vengono trafficati soprattutto per lo sfruttamento sessuale. E' una delle attività criminali che cresce più rapidamente, dopo la droga e le armi. Data la natura clandestina del fenomeno, è difficile fare statistiche, ma disponiamo di stime attendibili. Le ultime stime pubblicate dall'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) nel 2014 affermano che nel mondo ci sono circa 21 milioni di persone in situazione di traffico di persone. Si stima che ogni anno vengano trafficate da 700.000 a 2.000.000 di persone.


visita il sito e accendi una luce
4 Febbraio,2015

Per la chiusura della settimana per l'unità dei cristiani incontro con Luca Zacchi predicatore della Chiesa Valdese

Domenica 25 Gennaio il Duomo si Sutri è stato teatro di una importante esperienza ecumenica con l'invito rivolto dal nostro Parroco Don Fernando Cruz a Luca Zacchi, predicatore della Chiesa Valdese, ad occuparsi dell'Omelia ai fedeli in occasione della SS Messa domenicale delle ore 17.00. Questo invito rivolto ad uno dei rappresentanti delle Chiese Riformate è stato un degno corollario alla settimana dell'unità dei Cristiani a cui la nostra parrocchia ha partecipato con gioia. Le chiese riformate nel mondo sono designate con diversi nomi, fra i quali, per esempio: 'Chiesa evangelica riformata', 'Chiesa cristiana riformata', 'Chiesa presbiteriana' . Possono anche ritenere il nome del loro fondatore come, ad esempio, la Chiesa valdese che nacque a Lione nel XII secolo con gli insegnamenti di Valdo di Lione(Lione, 1140 – 1206 circa).

Ecco le parole con cui Luca Zacchi ha esordito con la sua predica:

Cari fratelli e care sorelle in Cristo,
di questa chiesa di Dio che è in Sutri, consentitemi innanzitutto di ringraziare la vostra comunità, il vostro parroco Fernando ed il vostro vescovo Romano, della cui amicizia mi vanto da quasi trent'anni, per l'onore che mi fate di predicare oggi in questa chiesa, che è una chiesa cattedrale....per leggere il seguito

Concerto in Duomo per i Martiri di Sutri
Domenica 25 Gennaio 2015 ore 18.00

Concerto con la partecipazione della Fanfara della Polizia di Stato. Creata come formazione da parata sul modello di organismi di tradizione Risorgimentale, si esibiva prevalentemente a cavallo. Dal 2004 viene impiegata come complesso musicale appiedato: ne è stato ridisegnato l'organico con il graduale inserimento di strumenti ad ancia e ampliata la sezione ritmica. Per tale motivo, pur mantenendo la denominazione storica di Fanfara, l'organico la rende di fatto una media banda. Il suo repertorio spazia da marce militari e sinfoniche a brani da concerto, toccando diversi generi musicali: dalle opere originali per banda alle colonne sonore, dalla musica leggera alle composizioni jazz, indice di un elevato grado di professionalità raggiunto. La Fanfara ha sede a Roma e partecipa a numerose manifestazioni di rilievo nazionale e internazionale che si tengono in importanti teatri, alle cerimonie di giuramento degli Allievi Agenti presso le Scuole di Polizia, intervenendo altresì durante importanti eventi culturali e a scopo benefico. Attualmente è composta da circa cinquanta musicisti diplomati nei Conservatori Nazionali ed è diretta dal M°. Domenico Lanzara.

   Programma per Sant'Antonio Abate 2015

    

antonio

   Ecco i cardinali che sarano eletti nel concistoro del prossimo 14 Febbraio

    

  Una Chiesa più periferica, più attenta al sud del mondo, più legata al territorio e più impegnata con i deboli. È questa la Chiesa che emerge scorrendo i nomi dei 15 nuovi cardinali

Scopri chi sono

cardinali
«Il criterio più evidente», ha spiegato padre Federico Lombardi in una nota, «è quello della universalità. Fra i nuovi elettori sono rappresentati 14 Paesi diversi, dei quali 6 attualmente non avevano un cardinale e alcuni non lo avevano mai avuto. Se si contano anche gli emeriti i Paesi rappresentati sono 18. Fra gli elettori, ve ne sono 5 per l'Europa, 3 per l'Asia, 3 per l'America Latina (compreso Messico), 2 per l'Africa e 2 per l'Oceania. Non vi sono nuovi cardinali per l'America Settentrionale (USA e Canada) perché il loro numero è già consistente ed è rimasto stabile dallo scorso anno. (Vi è un nuovo cardinale messicano)». Con le nuove nomine il numero dei cardinali elettori supera di poco i 120 previsti. Infatti, considerando anche quanti tra breve arriveranno agli 80 anni, i posti liberi sarebbero stati 12.
12 Gennaio,2015

   Scoperto il Praetorium di Pilato

    

  Nella Città Vecchia a Gerusalemme, sono venuti alla luce i resti del palazzo di Erode dove, secondo la tradizione dei Vangeli, Ponzio Pilato processò il Nazareno

Vai alla notizia

papa
Nel «praetorium», Pilato si lavò le mani della sorte di Gesù, consegnandolo alle autorità ebraiche che lo condannarono alla crocifissione. Prima della scoperta, si era ipotizzato che si trovasse nella Fortezza Antonia, sede della guarnigione romana, sotto una scuola vicina alla moschea di al-Aqsa. Per Shimon Gibson, archeologo della University of North Carolina a Charlotte, i nuovi scavi eliminano tuttavia ogni dubbio. Il Vangelo di Giovanni descrive l'ubicazione del processo: vicino a una porta della città e su un lastricato di pietre irregolari, il «litostrato». Particolari che coincidono con quanto rivelato da scavi precedenti nei pressi della prigione ottomana. Il palazzo di Erode si trova non lontano dalla porta di Giaffa.
05 Gennaio,2015

In riferimento alla legge 47/1948 e alle successive modifiche ed integrazioni stabilite dalla legge 62/2001 sull'editoria, si dichiara che questo sito non è responsabile per il contenuto pubblicato che rimane di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e case editrici; è a carattere periodico ed il suo contenuto, che viene aggiornato sporadicamente, è equiparato ad informazione aziendale, interna o pubblica. Sono pertanto esclusi gli adempimenti relativi alla registrazione presso il tribunale competente per territorio, ed è parimenti esclusa l'iscrizione dell'autore all'albo dei giornalisti. In ottemperanza alle disposizioni di legge succitate si dichiarano i seguenti dati: Luogo e anno di pubblicazione: Sutri,Agosto 2014 - Tutte le informazioni disponibili su questo sito, sono fornite "così come sono", possono contenere involontarie inesattezze tecniche o errori tipografici ed in nessun caso la Parrocchia di Sutri potrà essere ritenuta responsabile a qualsiasi titolo per qualsiasi eventuale danno di qualsiasi natura anche solo ipoteticamente collegabile all'uso di tali informazioni. La Parrocchia di Sutri si riserva inoltre di modificare o eliminare, in tutto o in parte, in qualsiasi momento e senza preavviso le informazioni presenti in questo sito. Alcune immagini inserite in questo sito possono essere state prese dal web. Non è sempre facile o possibile capire i diritti o la licenza a cui sono associate. Per questo motivo, qualora siate i legittimi proprietari dei diritti d'autore e riteniate che la loro pubblicazione violi i vostri diritti, vogliate cortesemente comunicarlo ad info@parrocchiasutri.org ed otterrete una rimozione immediata. Tutti i collegamenti esterni a siti di terze parti che non dipendono dalla Parrocchia di Sutri vengono verificati al momento della stesura delle pagine, senza alcun ulteriore obbligo di controllo temporale sulla loro disponibilità, aggiornamento, qualità, contenuto. Accedendo a questo sito, l'utente implicitamente dichiara di avere letto, compreso ed accettato le condizioni di utilizzo qui sopra dette. In caso di citazione di testi o immagini si prega di indicare la fonte, creare link o inviare mail a info@parrocchiasutri.org per informazione sull'utilizzo - Ogni diritto riservato su testo e struttura web, se non di terzi. www.parrocchiasutri.org - Copyright © 2015